Diamo inizio con il presente contributo a una collaborazione con la prestigiosa École Nationale d’Administration pénitentiaire

leggi qui la versione originale del contributo: Enap informations

LE PRINCIPALI VICENDE STORICHE

Fino al 1964 non c’è stata alcuna scuola di formazione nazionale.

Tra il 1893 e il 1962 sono esistite varie sperimentazioni locali:

-tra il 1893 e il 1903 al penitenziario di Parigi la Santè

-1927-1934 e 1946-1962 al penitenziario di Fresnes, a Parigi

-1964-1965 la scuola di formazione del personale dell’amministrazione penitenziaria a Obernai, nell’est della Francia

-1965 la prima scuola penitenziaria è creata a Fleury-Mèrogis (vicino al penitenziario)

-1994 la decentralizzazione diviene una priorità del governo (la gran parte delle amministrazioni pubbliche erano concentrate a Parigi)

-2000 l’Enap è delocalizzata a Agen

Agen è una città di 34000 persone, tra Bordeaux e Tolosa e via treno è raggiungibile Parigi in 3 ore e mezza.

FIGURE CHIAVE

Per quanto riguarda la formazione, ci sono 7000 allievi per anno, ivi compresi la formazione primaria e continua. Ci sono 13 diverse categorie di personale qualificato e 28000 guardie penitenziarie sono state formate tra il 2000 e il 2018.

Ci sono 266 lavoratori fissi, ivi inclusi 172 insegnanti (ivi compresi 4 ricercatori e formatori occasionali). L’Enap è finanziato da un finanziamento pubblico annuale del Ministero della Giustizia. Metà di esso va nei salari. Il campus è di 20000 metri quadri e ha molte strutture. Ci sono 4 dormitori chiamati “Villaggi” con 875 stanze e 2273 posti letto.

STRUTTURE

L’Enap è l’unica scuola di formazione del Paese per lo staff dell’amministrazione penitenziaria.

La scuola si è dovuta allargare al fine di offrire ai propri educatori e studenti più spazi per l’insegnamento.

Per questo nel 2005:

-sono stati costruiti ampliamenti per più classi, un anfiteatro, uffici e locali per gli sport di lotta.

-una sala di simulazione è stata creata. La sala consente di apprendere comportamenti semplici e tecnici per esempio per simulare una situazione di difficoltà: un detenuto aggressivo, un incendio in una cella, un tentato suicidio e anche un corso di primo soccorso.

-il numero di studenti ammessi è cresciuto, alcune delle 875 camere è stato raddoppiato per ospitarvi 2 studenti ciascuna. Si possono ospitare fino a 1375 studenti al massimo della capacità.

L’Enap è in continua evoluzione:

-tra il 2018 e il 2022 c’è stata una fase di messa in sicurezza e ampliamento.

Molte misure di sicurezza sono state adottate a seguito degli attacchi del 2015 e del 2016 (una barriera perimetrale e procedure di sicurezza).

Nuove strutture, in aggiunta a quelle già esistenti, sono state create per far fronte alla crescita del numero di studenti e apprendisti nella formazione continua (2018-2028):

-creazione di un secondo poligono di tiro (12 binari di 30 metri).

-aree educative (classi, sale pc, sala per il primo soccorso)

-uffici e aree riunioni

ATTIVITA’ PRINCIPALI

L’Enap si è data 5 obiettivi principali, che sono le sue linee guida:

-la formazione professionale iniziale e vita natural durante dei dipendenti pubblici occupati nell’amministrazione penitenziaria e dei partners della stessa;

-la preparazione ai concorsi pubblici e, nei limiti delle proprie possibilità, la predisposizione di un’organizzazione che consenta una selezione diversificata, le modalità delle quali sono definite per decreto da parte del Ministro della Giustizia;

-la conduzione e la diffusione di ricerche e studi;

-lo sviluppo e l’implementazione di partnerships con istituti di ricerca e formazione;

-lo sviluppo e l’implementazione di attività di cooperazione internazionale, in particolare nel settore della formazione e della ricerca. Può fornire servizi a pagamento.

 

Traduzione a cura di Michelangelo Taglioli (Università di Pisa)

 

Contributi simili

Cass. Pen., Sez. I, sent. 1° dicembre 2021 (dep. 2022), n. 3604: Il trattamento rieducativo e la relativa relazione di sintesi

Il principio di rieducazione della pena è uno dei capisaldi della nostra Costituzione; esso consente al reo di esser visto…

Leggi tutto...

6 Giugno 2022

Cass. Pen., Sez. I, sent. 7 luglio 2021, n. 33339: misure alternative e stato di salute

Cass. Pen., Sez. I, sent. 7 luglio 2021, n. 33339, Presidente Casa, Relatore Renoldi: misure alternative alla detenzione e stato…

Leggi tutto...

10 Dicembre 2021

Il diritto alla tutela indennitaria contro la disoccupazione involontaria (NASpI) a favore dei detenuti che lavorano alle dipendenze dell’Amministrazione penitenziaria

Il contributo è volto a - per così dire – “riannodare le fila” della situazione legata al diritto alla tutela indennitaria contro la disoccupazione involontaria (dal 2015, NASpI) da parte dei detenuti impiegati come lavoratori alle dipendenze dell’amministrazione penitenziaria, allo stato riconosciuto a seguito di alcune pronunce della giurisprudenza di merito (mentre – a quanto consta – non ci sono state occasioni, al momento, per una presa di posizione da parte della Cassazione), a fronte di un orientamento “resistente” assunto dall’Inps, tuttora restio ad accogliere, in via amministrativa, istanze tese all’ottenimento dell’indicato trattamento indennitario di natura previdenziale.…

Leggi tutto...

15 Settembre 2022

Tamar Pitch (a cura di) – “Devianza e questione criminale. Temi, problemi e prospettive”, Carrocci Editore 2022

Si segnala la pubblicazione del libro “Devianza e questione criminale. Temi, problemi e prospettive“, a cura di Tamar Pitch ed…

Leggi tutto...

16 Dicembre 2022

Radicalizzazione e prevenzione: la relazione del Copasir e la proposta di legge n.243

È allarme radicalizzazione: è quanto emerge dalla relazione del Copasir ovvero il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica. Il fenomeno terroristico di matrice jihadista, a causa della sua dimensione globale, ibrida e multiforme – puntualizza il Comitato – continua ad essere una delle grandi sfide del mondo contemporaneo.…

Leggi tutto...

3 Dicembre 2021

A cura di Riccardo Michelucci e Enrico Terrinoni
“Scritti dal carcere. Poesie e prose. Bobby Sands”, a cura di Riccardo Michelucci e Enrico Terrinoni

“Scritti dal carcere”, così si chiama il libro, a cura di Riccardo Michelucci e Enrico Terrinoni, contenente la prima traduzione italiana, in oltre 200 pagine, delle prose e delle poesie inedite scritte da Bobby Sands, attivista e rivoluzionario nordirlandese, deceduto in carcere il 5 maggio 1981 dopo 66 giorni di sciopero della fame.…

Leggi tutto...

17 Ottobre 2021

Torna in cima Newsletter